L’importanza dell’attività fisica durante il tempo libero

Al giorno d’oggi sono pochi coloro che praticano con regolarità attività fisica. Diventa importantissimo mantenersi attivi e in costante movimento durante il proprio tempo libero: sono tanti i benefici correlati allo sport che è bene conoscere.

Rafforzare il proprio corpo e modellarlo

La prima cosa che bisogna tenere a mente quando si parla di attività fisica è che essa può migliorare notevolmente le prestazioni del corpo. I benefici dunque sono importanti avendo la possibilità di non accusare stanchezza neanche per lunghe passeggiate o altri tipi di sforzi. Oltre a dover comunque ricordare che fare sport regolarmente garantisce la possibilità di modellare il corpo e scolpirlo nei punti giusti.

Ottimizzare il metabolismo

Il metabolismo è un elemento cruciale quando si parla di forma fisica e benessere del corpo. Infatti fare attività sportiva con regolarità e soprattutto costanza fa in modo da mantenere il giusto rapporto tra massa grassa e quella magra. In tal modo il senso di fame non sarà mai eccessivo portando al consumo di alimenti che possono essere deleteri per il corpo. Oltre a dover evidenziare che praticando sport si riequilibrano in modo giusto anche i vari parametri ematochimici. Fare le analisi non sarà più motivo di ansia dunque.

Migliora la funzionalità cardiaca

Un altro beneficio molto importante da prendere in considerazione quando si parla di attività sportiva è il miglioramento della funzionalità del cuore. Questo è il muscolo più importante che ci sia nell’organismo umano e da esso dipende una corretta irrorazione sanguigna. A riposo uno sportivo riesce ad avere un battito cardiaco con una frequenza inferiore rispetto ad un soggetto sedentario. Motivo per cui sarà sempre meno esposto al rischio di infarto o sbalzi della pressione.

Un umore migliore grazie all’attività fisica

Non tutti sanno che fare sport permette di avere un umore più stabile. Questo perché il cervello rilascia dei mediatori chimici che vengono chiamati endorfine. Tali molecole agiscono positivamente dando segnali all’organismo di positività. Ecco perché si può dire a tutti gli effetti che si è in presenza di un antidepressivo naturale con cui si può prendere la vita col sorriso. A dimostrarlo ci sono stati anche degli studi che hanno appurato concretamente i benefici determinati dal rilascio di mediatori chimici di questo genere.

Dire addio al rischio di gravi patologie

Le patologie cardiovascolari negli ultimi anni hanno determinato un elevato numero di vittime. Sono tanti gli adulti, ma non solo, che sono esposti ad un rischio importante per la propria salute. Il che vuol dire che la cosa più importante che si possa fare è allenarsi in maniera tale da aumentare la produzione di HDL, quello che viene anche chiamato “colesterolo buono”. Proprio questo fa in modo che non vi siano eccessivi accumuli di LDL, ovvero quel colesterolo che è alla base di gravi patologie cardiovascolari. Finendo poi col ricordare che l’attività fisica permette di diminuire la concentrazione sanguigna di trigliceridi. Il che fa in modo che il sangue sia sempre fluido e privo di ogni tipo di ostacolo durante il suo corso all’interno dei vasi.

Ridurre stress e ansia con lo sport

Fare attività fisica fa bene soprattutto a quelle persone che vivono male ansia o situazioni di particolare stress. Questo perché il cervello non solo produce endorfine, ma riesce a concentrarsi bene su ciò che sta facendo distogliendosi da altri cattivi pensieri. Si capisce perciò l’importanza di tenersi sempre in allenamento evitando che lo stress e l’ansia possano in qualche modo rovinare la propria quotidianità. E questo appare evidente anche se si pensa che l’attività sportiva permette di dormire meglio andando a rendere la qualità del sonno eccellente. Il che significa che coloro che non riescono ad avere un sonno riposante potranno avere concreti benefici in seguito a qualche ora di sano allenamento. Basta poco per fare in modo che il benessere fisico venga messo al primo posto.

Definizione e tecnica del microblading

L’ormai famosissima e decisamente innovativa tecnica del MICROBLADING è, appunto, una tecnica che consiste nel tatuare non in modo permanente, ma semipermanente, le sopracciglia in una maniera del tutto naturale e che farà in modo di farvi apparire praticamente dei veri e propri peli, grazie al semplice utilizzo di un macchinario specifico e del tutto professionale.

Prima, parliamo degli anni ’80 circa, era molto di moda tra le signore dell’epoca tatuarsi le sopracciglia ma in modo assolutamente non naturale. Grazie a questa tecnica invece, nessuno si accorgerà del vostro ritocco.

Il Microblading è consigliato davvero a tutte le donne: sia che tu abbia già delle belle sopracciglia, in quanto la tecnica andrà, in questo specifico caso, solo a migliorarle e definirne meglio colore e forma, sia che tu invece, per vari motivi (come ad esempio l’alopecia), non ne abbia: in questo caso specifico invece con il microblading è possibile rifarle completamente partendo da zero, in maniera naturale e perfetta.

LA TECNICA DEL MICROBLADING: CHE COS’È E COME SI FA:

Usando dei termini decisamente più tecnici, la tecnica del microblading consiste nell’immettere nel primo strato dell’epidermide dei pigmenti colorati, che andranno a formare i peli delle sopracciglia.
Per quanto riguarda i pigmenti e la forma desiderata, questi vanno solitamente concordati in precedenza in un colloquio apposito da eseguire con l’esperta estetista qualificata che poi andrà direttamente e personalmente ad eseguire il trattamento su di voi.

È importante essere sicure sia del colore che della forma, in quanto poi la professionista andrà ad eseguire il trattamento completamente a mano libera, anche per questo è necessaria moltissima serenità e serietà, da parte di entrambe: sia l’estetista che la paziente in questione.

Il colore del pigmento da tatuare sull’epidermide e quindi da utilizzare varia da persona a persona, così come la forma delle sopracciglia. Va stabilito in base a delle caratteristiche, quali, ad esempio, il tipo di pelle ed il colore della carnagione e dei capelli che si hanno.

Questa tecnica non è fattibile ed eseguibile da tutte indistintamente però, in quanto per poterla eseguire è necessario esserne capaci realmente, iscriversi e seguire dei corsi assolutamente professionali e tenuti solo ed esclusivamente da professioniste che sanno davvero di che cosa si sta parlando. È quindi il primo passo fondamentale da fare, quando si decide di sottoporsi al microblading, recarsi in centri appositi ed essere sicure al 100% della professionalità e della serietà del posto in questione.

Anche per questo motivo, moltissime professioniste del microblading in tutto il mondo, una tra queste Jurgita Jasiunaite, consentono attraverso la propria pagina web personale, di iscriversi a dei corsi di formazione e di apprendimento privati che tengono spesso e volentieri loro in prima persona, che vi assicureranno un futuro nel campo del microblading. Qui il corso di microblading previsto a Milano.

A tal proposito, si può affermare che: per quanto riguarda il costo del trattamento di microblading c’è da ammettere che è forse un po’ caro e magari non accessibile a tutte, in quanto la prima seduta si aggira intorno ai 400 euro, mentre le successive sedute di mantenimento costano all’incirca 200 euro, la metà.

A proposito della durata dell’effetto del trattamento invece si può affermare che questo è molto variabile: cambia quindi da soggetto a soggetto in base al tipo di pelle che si ha, o a come reagisce la pelle al trattamento. generalmente però, nella media, il trattamento ha un effetto che oscilla dai tre anni ai cinque anni. È comunque fondamentale sottoporsi a delle sedute di mantenimento, che sono circa ogni sei mesi dalla prima seduta di microblading, e poi variabili a seconda di com’è venuto e di come lo si vuole: se sempre vivo e ben definito, o un po’ più spento. Le sedute di mantenimento fanno si che l’effetto del trattamento duri più a lungo del solito.

Anche per quanto riguarda il dolore che si prova durante l’esecuzione del trattamento, la risposta è totalmente soggettiva. Si può affermare però comunque che, grazie agli innovativi strumenti utilizzati che consistono in aghi e lamette davvero sottilissime, che hanno una forma simile a quella di una punta di una penna, il dolore è quasi impercettibile o comunque nettamente inferiore a quello di un tatuaggio vero e proprio, cioè permanente.

Sottoporsi a questo tipo di trattamento estetico è davvero consigliabile a tutte: come già detto in precedenza, il microblading può fare dei veri e propri miracoli. In quanto donne, è per tutte da sempre essenziale apparire in qualche modo sempre perfette e armoniose. Grazie a questo specifico trattamento si può, infatti ormai si sa che le sopracciglia servono parecchio per completare l’armonia del nostro viso, sono assolutamente essenziali e irrinunciabile è averle sempre ordinate. Questa è senza alcun dubbio la soluzione ideale.

Trucco permanente: tecniche e benefici

Inutile negarlo: l’idea di non doversi più alzare presto al mattino per la seduta di trucco quotidiana prima di uscire per andare a lavoro è uno dei desideri neanche troppo nascosti di ogni donna al mondo!

Sentirsi sempre libera, curata e in ordine, senza la preoccupazione di trucco che cola in spiaggia o piscina; non dover portare in giro in borsa pochette colme di trucchi di ogni genere o trovarsi a correre in negozio a ricomprare il fondotinta appena terminato e che ci serve assolutamente per andare a nascondere qualche piccola imperfezione della nostra pelle.
I vantaggi della scelta di sottoporsi a una seduta di trucco permanente sono in effetti davvero tantissimi per una donna:

  • comodità: non ci sarà più bisogno di ritocchi al nostro trucco durante il giorno a causa del caldo; il trucco permanente risulta comodo e pratico anche per chi fa sport perché sostituisce egregiamente il trucco waterproof con un risultato decisamente migliore;
  • eccezionale durata nel tempo: se opportunamente curato e ritoccato semestralmente o annualmente, il tatuaggio permanente può infatti avere una durata dai due ai cinque anni;
  • correzione delle piccole imperfezioni: a parte un vero e proprio trucco del viso effetto make up naturale, grazie al trattamento di trucco permanente è inoltre possibile infatti correggere inestetismi della pelle come cicatrici e discromie.

Ma quali sono le tecniche più utilizzate per il trucco permanente?
Il trucco permanente è, per spiegarlo in parole povere, una tecnica davvero molto simile a quella del tatuaggio: la grande e sostanziale differenza è che per le sedute di trucco permanente vengono impiegate macchine più leggere e pigmenti bio assorbibili e totalmente atossici.

Come succede spesso per le sedute e i trattamenti di make up e tatuaggi, anche le sedute di trucco permanente possono essere effettuate con modalità e tecniche differenti tra loro, ma comunque tutte evolute e innovative e in grado di assicurare un effetto trucco decisamente naturale che, se opportunamente curato e ritoccato secondo determinate tempistiche, risulta inoltre anche essere estremamente duraturo nel tempo.

Il denominatore comune a tutte le varie tecniche per effettuare un trattamento di trucco permanente è senz’altro la ricerca assoluta di un trucco dall’effetto più naturale possibile, che va ad evidenziare i lineamenti del viso senza però andare a rivoluzionarli totalmente.

Il periodo migliore per decidere di effettuare un trattamento di trucco permanente è più di tutti quello immediatamente successivo all’estate: la pelle in quel momento dell’anno risulta infatti più forte e spessa a seguito delle numerose esposizioni al sole e risulta quindi meno fragile e più facile da lavorare.

Come si legge sul sito www.truccopermanente.it, la tecnica del trucco permanente è particolarmente utilizzata per queste parti del viso:

  • trucco permanente alle sopracciglia: da alcuni anni è forse il tipo di trucco permanente più diffuso tra le donne, ma coinvolge anche una percentuale più bassa di uomini; abbastanza simile nella tecnica, ma con la sostanziale differenza nella durata del trattamento, esiste anche il microblanding, che non essendo però permanente va ritoccato almeno ogni due mesi; come si legge sul sito Trucco Permanente, per dare al trucco permanente alle sopracciglia un effetto molto naturale, serve innanzi tutto che i pigmenti non si discostino troppo dal colore di base del sopracciglio; dopo aver disinfettato le sopracciglia, queste vengono letteralmente tatuate pelo per pelo: un lavoro preciso e accurato che necessita di essere svolto da una estetista esperta e non occasionale che si avvale di pigmenti bio assorbibili;
  • trucco permanente labbra: l’effetto che questa tecnica garantisce, è quello di avere un contorno labbra perfettamente definito e labbra più piene, rimpolpate e voluminose; per evitare un effetto contrario, quindi un contorno labbra impreciso e volgare, è importante non esagerare troppo con l’idea di ingrandire eccessivamente il contorno labbra e ascoltare i consigli dell’estetista a cui ci affidiamo, scegliendo insieme un colore non troppo distante da quello originario e che si adatti perfettamente alla nostra carnagione; grazie al trucco permanente labbra è inoltre possibile aggiustare difetti delle labbra come asimmetrie;
  • trucco permanente occhi: grazie alla dermopigmentazione, la tecnica più innovativa con cui effettuare un trucco permanente, l’effetto che avremo sui nostri occhi sarà quello di uno sguardo affascinante e seducente, intenso e sempre curato ed in ordine; sempre nella zona occhi, il trucco permanente può essere utilizzato anche per correggere fastidiose imperfezioni come le occhiaie.

Qualunque sia la tecnica che verrà utilizzata per la seduta di trucco permanente a cui vi sottoporrete, la cosa fondamentale è rivolgersi sempre a veri esperti del settore, lavoratori con esperienza oltre che seri e scrupolosi e certificati: recarsi in un ambiente riconosciuto, dove estetiste qualificate come pigmentatrici e specialiste del make up operano in uno studio pulito e attrezzato di materiali e prodotti di alta qualità è infatti importantissimo per di evitare un effetto finale sgradevole e impreciso o, nei casi peggiori, possibili problemi di salute causati da materiali vecchi e sporchi.