Campetty – La Raccolta dei Singoli

Campetty-La-Raccolta-Dei-Singoli

L’Intercity è per chi ha fretta, vuole arrivare subito e senza disagi. I vecchi regionali, grossi carrozzoni antiquati, sono invece per chi ama godersi il paesaggio, trascurando la meta e il tempo impiegato per raggiungerla. Se si ha fretta, è meglio starne alla larga.

Ecco, l’album dei Campetty si adatta alla situazione. Scorre lento, lentissimo, a tratti slegato; come il paesaggio visto dal finestrino di un regionale che, tra sbuffi e sferragliamenti, sembra un film in slow motion. Invece, fossimo seduti nel posto riservato di un Intercity, appunto nome precedente della band, lo stesso scorrerebbe velocissimo come una pellicola con il tasto forward inserito.

Tuttavia, non è necessariamente un male. Occorrono più ascolti e pazienza per apprezzare “La Raccolta dei Singoli”, album in cui gli artisti guadagnano maturità, ma perdono freschezza rispetto al precedente “Yu Hu”. Splendide le ballad, come “Mariposa Gru” e “A Nastro”, punte di diamante di cupa dolcezza all’interno della tracklist. Lo stesso può dirsi di “Lungofiume” e “Brasilia”, più sostenute nel ritmo e audaci nelle sonorità. Purtroppo, pezzi come “Cowboy Blues” e “Tenda Prodigy” fanno sferragliare il vecchio regionale, rallentano il viaggio, facendoci arrivare a destinazione con qualche minuto di ritardo.

Forse però è meglio così: ci ricordiamo della nostra fermata. È arrivato il momento di recuperare i bagagli e avviarci alla banchina. Non è stato un viaggio veloce ma non avevamo fretta, e ci ha lasciato tutto sommato un buon gusto.

(Filippo Di Iorio)

Scaricabile gratuitamente da http://www.campetty.it/

Campetty – La Raccolta dei Singoli

(Orso Polare Dischi – 2013)

Tracklist

1)L’Intro

2) Cowboy Blues

3) Nuoto Dorsale

4) The Muffa Forest

5)Lungofiume

6) Mariposa Gru

7) Tenda Prodigy

8) Brasilia

9) Il Parco dei principi

10) Vittoria

11) A Nastro

12) L’Outro

Lascia una risposta