Eight Days A Week – 02×05 (Speciale Concertone)

395981_522246824464170_1263952313_n

Questa sarà la settimana del Concertone, nel mondo della musica (purtroppo) non si parla d’altro, quindi anche noi di Radio Bombay, che abbiamo scelto proprio la vigilia del grande evento per riesumare questa rubrica, non potevamo esimerci da una puntata speciale.

L’edizione 2013 arriva preceduta da un codazzo di polemiche degne del Festival di Sanremo: oltre alle difficoltà legate allo scarso supporto da parte di sponsor ed istituzioni, , il concertone si trova a fronteggiare un’inedita accusa di censura per l’esclusione di Fabri Fibra.

Del fattaccio si è parlato fino alla nausea, quindi ci asterremo dall’aggiungere alla polemica anche il nostro “pippone”, già se ne sono letti tanti provenienti da riviste e webzine ben più quotate.

Personalmente mi limito a dire che il rapper non mi mancherà e che non l’avrei mai scelto per un evento a sostegno dei diritti civili, ma la vicenda difficilmente poteva essere gestita peggio dagli organizzatori.

La lista degli artisti presenti non è esattamente memorabile (http://www.primomaggio.com/cast.php) ed anche numericamente è sicuramente assai meno nutrita degli anni. Noi teniamo d’occhio, oltre ad Elio e Le Storie Tese, soprattutto Marta sui Tubi e Management Del Dolore Post Operatorio, mi piacerebbe aggiungere alla lista Max Gazzè, ma onestamente la sua presenza sul palco del primo maggio mi stupisce non poco visto che nel passato recente bazzicava in festival di tutt’altro colore politico (vedi alla voce Atreyu).

Sarebbe interessante vedere la scaletta, ma come al solito uscirà solo all’ultimo minuto, intanto potete farvi un’idea ascoltando l’ultimo singolo di Elio e Le Storie Tese, l’ordine di solito è quello.

Per chi nonostante tutto non rinuncia al rito del Concertone proviamo a fornire 5 regole di sopravvivenza per piazza San Giovanni, perché nonostante tutto è sempre un grande spettacolo ed anche noi, come ogni anno, alla fine ci saremo.

  1. Preparazione: uno zaino ben fatto è di fondamentale importanza per sopravvivere al concertone, ed uno zaino ben fatto vuol dire sostanzialmente uno zaino pieno d’alcool. Meglio i bibitoni, le bottiglie di vetro pesano e rischiano di rompersi, che il dio del Vodka Tonic sia con voi(due parti vodka, tre di tonic, la giornata è lunga, meglio andarci leggeri). Attenti a non essere tracotanti, portatevi anche un paio di bottiglie d’acqua, serviranno. Ed un asciugamano ovviamente (http://www.towel-day.com/it/).

  2. Mezzi: Meglio la metro, gli autobus il primo maggio non passano, MAI.

  3. Orario: I gruppi migliori sono la sera, ma andare dal pomeriggio è indubbiamente più divertente (anche se il più delle volte si finisce per accasciarsi da qualche parte quando tolgono la musica verso le 19.00).

  4. Appuntamenti: Trovarsi in piazza, in mezzo alla folla è complicato, l’unico punto di riferimento affidabile è l’immancabile bandiera dei quattro mori. Lo so, ce ne sono molte, si spostano e quell’enorme amplificatore che avete poco più indietro sembra molto più adatto per dare un’indicazione, ma le bandiere sarde sono, per ragioni imponderabili, i punti fissi intorno ai quali la piazza si organizza. Ringraziamo sempre i compagni sardi per questo impagabile servizio.

  5. Scopo: Siamo onesti, si va in piazza per bere, cazzeggiare e provarci con la ragazza caruccia del gruppo a fianco al vostro; in fondo la musica è solo una piacevole scusa, quindi fate tutto quello che vi va di fare e buon Primo Maggio

PS: In realtà ci sono tante alternative valide al Concertone, tra tante segnaliamo a Roma l’appuntamento organizzato dall’Angelo Mai, ormai diventato tradizionale, meno stancante di piazza S. Giovanni, ma sempre all’insegna della musica di qualità (ospiti: Roberto Angelini, Ballads. Luca Bertelli, Marco Conidi, Lorenzo Corti, Rodrigo D’Erasmo, Eric Daniel, Cristiano De Fabritiis, Roberto Dell’Era, Epo, Alessandro Fiori, Alessandro Grazian, Ilaria Graziano, Honeybird & the birdies, Alessandro Innaro, Le Naphta Narcisse, Pino Marino, Andrea Pesce, Matteo Pezzolet, Fabio Rondanini, Angelo Maria Santisi, Milo Scaglioni, Tarall & Wine, The Elephant https://www.facebook.com/events/439391172817744/ )

Chi invece si trova in Puglia, farebbe bene a fare un salto a Taranto dove il ControConcertone auto organizzato da alcune associazioni di cittadini sembra destinato ad essere, per qualità artistica e valore politico, l’evento più interessante di questo primo maggio, nonostante i mezzi limitati e la mancanza di telecamere. Suoneranno : Francesco Baccini, Luca Barbarossa, Bonomo, Pierpaolo Capovilla, Chitarre e Tammorre, Diodato, Elio Germano e le Bestierare, Fido Guido & Krikka Reggae, Lady Coco, Leitmotiv, Luminal, Fiorella Mannoia, Nadàr Solo, Officina Zoè, Orchestra Popolare Jonica, Raf, Michele Riondino & the Revolving Bridge, Roy Paci, Sciamano & Mosca 58, Riccardo Sinigallia, Daniele Sepe, Sud Sound System, Tarentum Clan , The Niro, Giovanni Truppi.

Approfitto della presenza a Taranto dei Luminal per segnalare che il 2 maggio esce il loro nuovo disco, posso dire tranquillamente che sarà una delle uscite più significative dell’anno, non perdetelo.

(Giuseppe Labate)

Lascia una risposta