01X02 Discovery Shower (una rubrica dal senso minimo) – Craxi (Dentro i battimenti delle rondini)

Questa non è una rubrica porno, né consiglierò tipi di shampoo. Non voglio recensire nulla, ma trasmettere le sensazioni che una canzone o un album possono avere se ascoltati sotto la doccia. Ho preso il vizio di sentire un album diverso a settimana durante le mie quotidiane modalità di puzzare un po’ di meno e profumare di più.

La settimana scorsa ho inaugurato questa rubrica con l’ultimo lavoro dei Telesplash, oggi parlerò di un gruppo che non esiste più , ovvero i Craxi.

La band era composta da gente non proprio  sconosciuta all’interno del panorama musicale indipendente italiano, dall’ex Mariposa Alessandro Fiori, ad Enrico Gabrielli e Luca Cavina  dei Calibro 35 ed infine da Andrea Belfi (Rosolina Mar).
L’album in questione che ho analizzato durante le docce della settimana si chiama “Dentro i battimenti delle rondini”, uscito a fine 2012 ma registrato tra il 2009 ed il 2010. In quegli anni hanno fatto qualche live, poi sono scomparsi.

Non entrerò nei meriti della tecnica di questo lavoro dei Craxi, a giorni uscirà la recensione molto più approfondita di quest’album all’interno del nostro blog, però posso subito dire una cosa: è molesto, ascoltato sotto la doccia ancora di più.

E’ molesto perché si parla di un livello creativo musicale e cantato davvero invidiabile e le sue sonorità inevitabilmente ti inducono a pensare a ciò che nella vita reale ha potuto molestarti mentalmente.

Logica vuole che ogni essere umano ascolti la musica in base al proprio stato d’animo: in un periodo tranquillo della mia vita, decidere ora di ascoltare e approfondire  “Dentro i battimenti delle rondini” è stata una cazzata.
Se per voi questo è un periodo relativamente tranquillo il mio consiglio è di assumere quest’album solo in piccole dosi. Se sentite realmente il bisogno di musica molesta (capita spesso, capita a tutti) questo è l’ album che fa per voi.

Qui c’è tanto rock e tanta sperimentazione: entrambe le cose assieme  ultimamente le sanno fare in pochi. Peccato che non ci sono più.

E’ anche finita l’acqua calda.

Tracklist

01. Rosario

02. E tu non ci sei

03. I diari dei Kamikaze

04. Drive Inn

05. Le Ali di Alì

06. Si appressa la morte non ci è dato sapere cosa c’è al di qua

07. Santa Brigida

08. Se me lo chiedi dolcemente

09. Dentro i battimenti delle rondini

10. Sono il mio passeggero

11. Le mostre di Pittura

Luca “Lukaos” Rovito

Lascia una risposta