Gubbstock: ecco il programma del festival che si terrà dal 2 al 4 Luglio a Gubbio (Pg)

gubbstock

PROGRAMMA COMPLETO

Programma Esibizioni
Martedì 2 ore 20.30
Antefatti, Velvet Boulevard, Edena, World funk, Blues Crime The Skaouts

Mercoledì 3 ore 20.30
Lights going down, Stonecutters, Mentivo, Thegeneration, Diraq Kafka on the shore

Giovedì 4 ore 20.30
Xenia, Wireless, A wonderful picture, Le chiavi del faro, Stand back from the yellow line Sadside project

Programma eventi collaterali
Mercoledì 26 giugno – ore 21.30
Parco Ranghiasci – Brancaleoni
Anteprima Gubbstock con i Boxerin Club Promossa dalla sezione soci COOP Gubbio in collaborazione con l’Associazione B612

Martedì 2 luglio – ore 18.00
Biblioteca Sperelliana
Pomeriggio con Alessandro Baronciani

Presentazione del libro “Raccolta 1992 – 2012” Inaugurazione della mostra “Baronciani a disegni”
Sottosuono
Storie di uomini sopra le righe Mostra fotografica di Riccardo Ruspi

Mercoledì 3 luglio – ore 22.00 Live painting digitale
di Emanuele Copernico durante le esibizioni

Giovedì 4 luglio – ore 21.00
Rock su tela
live painting di Luca Frati, Claudia Calzuola ed Emanuele Copernico durante le esibizioni
Durante le serate saranno presenti gli stand informativi delle associazioni AVIS, Libera e dell’Informagiovani Gubbio Sarà presente un punto ristoro presso il chiostro di S. Pietro

Saranno tre giorni di musica, arte, incontri immersi nello splendido scenario di una delle città più suggestive dell’Umbria quelli che si svolgeranno all’inizio di luglio a Gubbio (PG). Arriva infatti alla ventesima edizione un appuntamento ormai tradizionale dell’estate, il Gubbstock Rock Festival, nato per iniziativa del Comune attraverso il suo ufficio Informagiovani / Progetto Giovani e cresciuto anno dopo anno, fino a diventare un punto di riferimento per gli appassionati di musica rock ed uno degli eventi tradizionali dell’estate giovanile eugubina “Gubbio giovane: musica e sport”, insieme al Torneo di Volley a Piazza Grande, alla XIV edizione e in programma dall’8 al 12 luglio prossimi.
Negli ultimi anni – grazie anche all’impulso dato dall’associazione Mentindipendenti – il festival ha visto sul palco del Teatro Romano realtà consolidate del rock nazionale, come Lombroso, Calibro 35 e Sakee Sed ma anche nomi del panorama regionale capaci poi di oltrepassare i confini locali e farsi conoscere in tutta la penisola, come Fast Animals and Slow Kids e The Rust And The Fury.
Questa infatti è una delle caratteristiche principali del festival umbro, quella di dare spazio a gruppi locali per dar loro una visibilità e un palco che difficilmente potrebbero ottenere altrimenti, coltivando così talenti locali e incentivando la cultura della musica.
Da quest’anno, inoltre, i gruppi locali sono stati selezionati attraverso la modalità dei contest che si sono svolti nei mesi precedenti il festival vero e proprio.
Per quest’edizione Gubbstock cambierà location, trasferendosi nello splendido Chiostro del complesso monumentale di San Pietro nel pieno centro storico di Gubbio.

INDIEPOLITANA E LE RETI
Da quest’anno Gubbstock è tra i fondatori di una rete che unisce altre due manifestazioni della provincia di Pesaro-Urbino, INDIEtiAMO (Sassocorvaro) e Villa ‘n’ Roll (Pesaro). Indiepolitana è un progetto di comunicazione e programmazione congiunta in cui i tre eventi delle province di Pesaro e Urbino e Perugia sono uniti a formare quasi delle tappe di un viaggio immaginario da percorrere sulla dorsale appenninica alla scoperta di luoghi, paesaggi e culture profondamente suggestive: una metropolitana virtuale in cui ad ogni stazione corrisponde un festival dove ascoltare live il meglio della nuova scena italiana, conoscere tanti appassionati e scoprire splendidi luoghi.
Il festival inoltre rientra per la prima volta anche nella rete dei festival del M.E.I. – Meeting delle Etichette Indipendenti.

L’ANTEPRIMA (26 GIUGNO – PARCO RANGHIASCI)
La tre giorni tradizionale di Luglio vedrà una preziosa anteprima al Parco Ranghiasci, grazie alla disponibilità dell’Associazione B612 che quest’anno anima e gestisce il Parco, con il gruppo romano dei Boxerin Club: perfetto mix tra indierock, folk e ritmiche selvagge, la band nasce nel 2010 e gli basta un anno di live per dominare i più importanti club romani. La rivista inglese NME li ha scelti per il suo special party a Roma, dimostrando di aver tutte le carte in regola per non affondare nel gran calderone indie/rock che vede nascere e scomparire gruppi con cadenza pressochè quotidiana. Nel marzo 2012 entrano in studio dando vita al loro primo Ep Tik Tok (here it comes), per la neonata etichetta indipendente Bomba (www.bombadischi.it).

GLI OSPITI
Come ogni anno, nella formula tradizionale del Gubbstock, a consacrare le esibizioni dei gruppi di carattere locale selezionati, sarà un’ospite di rilievo nazionale per ogni serata.
Si parte il 2 Luglio con gli ANTEFATTI, band punk-rock ternana, conosciuta nell’ambiente underground del punk italiano con all’attivo già due album: Agisci(2005), E’ solo cadere con stile(2010) un ep del 2008 Summer Sessions. In questi giorni presentano live il loro nuovo disco La morte ci fa belli.
Il 3 luglio sarà poi la volta dei KAFKA ON THE SHORE, quartetto strampalato e funambolico dalle origini improbabili (nato a Milano dall’incontro tra un pianista siciliano e gli tre componenti provenienti dalla Germania e dagli USA) che nel 2012 ha dato alle stampe il disco d’esordio Beautiful but Empty animato da pianoforti indiavolati alla Jerry Lee Lewis, elettriche veraci e sudate, visioni poetiche sulla scia dei Doors e pezzi da taverna che piacerebbero ai Gogol Bordello, con le liriche guardano all‘America del mito (“Bob Dylan”, la mini-suite in due parti “Walt Disney”) e del presente (“Moon Palace” cita fin dal titolo un romanzo di Paul Auster).
Chiuderanno infine il festival nella serata del 4 luglio i SADSIDE PROJECT, una delle band italiane più promettenti fra quelle di nuova generazione. A febbraio 2013 è uscito il loro apprezzatissimo secondo disco, Winter Whales War, distribuito anche all’estero dalla Rough Trade, una vera e propria garanzia in fatto di indie-folk. Il duo romano, formato da Gianluca Danaro e Domenico Migliaccio, ama il garage-blues e le sonorità d’oltreoceano. Iniziano a farsi notare nel 2011 con l’esordio Fairy Tales, e grazie al loro talento riescono a guadagnarsi l’apertura di ben dieci date del tour di Joe Lally dei Fugazi. Saranno poi i nostri Verdena a rendere possibile il bis, chiamandoli ad aprire due delle date più importanti del loro “Wow tour”, in seguito alle quali inizia una collaborazione live con la bassista Roberta Sammarelli, continuata poi in studio con il nuovo disco, che vede anche i credits di Adriano Viterbini (Bud Spencer Blues Explosion) e Alberto Mariotti (King of the Opera).

GLI EVENTI COLLATERALI
Gubbstock 2013 è un esplosione di cultura e divertimento che non si ferma alla musica. Dal 2 al 4 Luglio, il Chiostro di San Pietro sarà arricchito anche dagli stand informativi di AVIS, LiberaTerra e Informagiovani Gubbio a sostegno del sociale e della solidarietà. La musica di Gubbstock 2013 sarà più preziosa perché affiancata da ben 5 eventi collaterali. Presso la Biblioteca Comunale Sperellianamartedì 2 Luglio, dalle ore 18, un pomeriggio con il noto fumettista Alessandro Baronciani che presenterà il suo libro “Raccolta 1992 – 2012” e aprirà la propria mostra dal titolo “Baronciani a disegni”. Sempre Martedì 2 Luglio, viaggio tra le fotografie di Riccardo Ruspi grazie alla sua personale: “Sottosuono. Storia di uomini sopra le righe”. E ancora, ampio spazio ai talenti locali: Mercoledì 3 Luglio, dalle 22, proiezione dei disegni che Emanuele Copernico realizzerà su tavoletta grafica durante i concerti. Pittura dal vivo sarà realizzata anche giovedì 4 Luglio, dalle 21, con i live painting su tela di Claudia Calzuola, Luca Frati ed Emanuele Copernico.

ECOSOSTENIBILITÀ
Gubbstock da sempre è sensibile alle tematiche legate all’impatto ambientale e ha adottato anche nelle passate edizioni particolari accorgimenti per ciò che attiene all’inquinamento luminoso e sonoro, nonché di quello generico con punti di raccolta differenziata ben visibili e facilmente fruibili dal pubblico. A ulteriore testimonianza di questa attenzione anche l’impegno dell’associazione Mentindipendenti nella realizzazione ogni anno di eventi legati a “M’illumino di Meno” (in collaborazione con il Comune di Gubbio).
Per questo, da quest’anno Gubbstock può fregiarsi di essere l’unico evento eugubino riconosciuto quale “Ecofesta”, il marchio attribuito dalla Regione alle feste che rientrano nelle misure di compatibilità ambientale, di corretta gestione dei rifiuti e di una loro produzione più contenuta possibile. Sensibilizzare il pubblico alla cultura ecosostenibile sarà possibile nei tre giorni Gubbstock grazie alla raccolta differenziata attiva nel Chiostro di San Pietro, impatti sonori e visivi entro gli standard ambientali , tutto il materiale cartaceo con carta riciclata, piatti e bicchieri esclusivamente “Mater B”, cioè biodegradabili.
Gubbstock 2013 è organizzato dal Comune di Gubbio – Settore Sviluppo Economico, Sociale, Turistico e Culturale – Ufficio Informagiovani, dall’Associazione Culturale Mentindipendenti in collaborazione con Coop Centro Italia – Sez. soci Gubbio, e grazie al supporto tecnico di Al Fondino, Associazione Cineclub 22 e quello comunicativo di media partner come RGM, Radiophonica.com, Rocklab.it, Umbria Noise.

www.aboutgubbstock.net

Lascia una risposta