Bombay Saturday: Sabato il secondo appuntamento all’Urban con i The Cyborgs+Wonder Vincent

thecyborgbombaysaturday

Un sabato all’insegna del grande rock-blues suonato da due gruppi di assoluto valore: on stage i Cyborgs, esplosivo duo cyber-boogie e i Wonder Vincent, folle compagine perugina in corsa sfrenata sul loro Roller Kosner.

The Cyborgs

Si fanno chiamare “0” e “1” come i simboli del codice binario, che rappresentano l’inizio e la fine dell’uomo. Dal codice binario ha inizio l’era tecnologica, e con lo sviluppo tecnologico l’uomo, in futuro, si autodistruggerà.
ZERO e UNO. Inizio e fine.
Stanno viaggiando ovunque comunicando i loro ideali attraverso il Blues, cercando di smuovere le coscienze, predicando un ritorno al passato e alla semplicità.
Cantano spesso del futuro, profetizzando e descrivendo i cambiamenti della razza umana nel corso del tempo. Disordine, caos, inquinamento e ribellione dell’uomo e della natura.
“ Ci stiamo autodistruggendo, e questo è sotto gli occhi
di tutti, anche se nessuno ne parla. “
Due uomini, una Band, il Blues…
n° 0 chitarra elettrica e voce
n°1 tutto il resto (sinth, piano, batteria, percussioni)
Torna lo sfrenato boogie dei Cyborgs con “Electric Chair”.
Fine e inizio, positivo e negativo, vita e morte, questa two man band dimostra di non aver perso la naturale predisposizione per le contraddizioni: per sopravvivere nel nostro presente riesce a trasformare quello che solitamente viene usato come dispositivo letale in un indispensabile strumento del sapere.
Una sedia elettrica come scranno per ricaricarsi di energia e assimilare informazioni prima di riprendere la ricerca delle radici del Blues, un necessario viaggio nel passato che assicuri a suon di boogie un futuro meno brutale all’umanità.
Il nuovo manifesto del power duo raccoglie 12 brani originali ed una cover permeati del sound rock blues degli anni ’70, ma non solo. Nell’attento viaggio di riscoperta delle tracce perdute della musica nera non mancano incursioni di sonorità afro e orientali, accenni di rock psichedelico e ammiccamenti alle sperimentazioni jazz di inizio secolo, sempre però con un occhio fisso all’esperienza rivoluzionaria di gruppi culto come ZZ Top, The Knack e Canned Heat, un’eredità musicale assimilata e riproposta nella loro inconfondibile firma riot.

www.thecyborgs.it

Wonder vincent

Il nucleo della band nasce nel 2009 a Perugia come “Lo Sciopero Degli Andrea”, dall’incontro di Andrea Tocci (voce) e Andrea Spigarelli (batteria) e a loro si uniscono Andrea Meriggioli (basso) e Filippo Ciccioli (chitarra). I quattro scelgono il nome del gruppo in onore dei vari “Vincenzo” che hanno influenzato la cultura delle loro giovani menti, da Vincenzo Sparagna, direttore della rivista Frigidaire, al poeta Vincenzo Costantino, e iniziano ufficialmente l’avventura dei Wonder Vincent.
Tanti live, anche su palcoscenici importanti come quelli del M.E.I. di Faenza, del Qube di Roma e del Teatro Puccini di Firenze, tante canzoni e subito due cambi della guardia: a sostituire chi si ritira arrivano Matteo Cirella (basso) e Luca Luciani (chitarre).
Nell’instabilità del momento nasce GOOD NEWS FOR HARD TIMES (buone notizie per tempi duri), primo EP autoprodotto dalla band, uscito nel novembre del 2011: nei tre brani la vecchia scuola afroamericana del Delta si coniuga con il funk sincopato e il country per sfociare in un rock’n’roll diretto e carnale.
A distanza di un mese dall’uscita dell’album, i Wonder Vincent si trovano a dover sostituire temporaneamente Matteo Cirella. Al suo posto c’è Marco Zitoli, bassista con anni di esperienza alle spalle e con sonorità adatte a quelle della band.
Nei mesi seguenti la band condivide il palco, tra gli altri, con Bud Spencer Blues Explosion, Folkabbestia, … A Toys Orchestra e Modena City Ramblers, sempre con grande successo di pubblico grazie a un live coinvolgente.
Ad un anno da GOOD NEWS FOR HARD TIMES i Wonder Vincent rientrano in studio per un vero e proprio disco e il 23 Novembre 2012 esce il video ufficiale di “My Little Bunny”, primo singolo dal nuovo concept visualizzato in due mesi da oltre 3000 persone.
Il 25 Febbraio 2013 è uscito “The Amazing Story of Roller Kostner” primo album della band. Nelle otto tracce contenute del disco si racconta la storia di Roller Kostner, reduce di guerra, pazzo d’amore e di vita.

Tanto per non tradire le montagne russe, all’inizio del tour estivo, gli Wonder Vincent si trovano a dover cambiare di nuovo formazione con l’entrata di Fabrizio Scuteri al basso.
www.wondervincent.com

Powered by Radiobombay Perugia Bombay Saturday
Dj set by Nik the assessor & Il Lercio

Lascia una risposta